Fascite plantare, un problema evitabile

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

La fascite plantare colpisce sempre più persone. Cattive abitudini alimentari, cattiva postura quando si cammina o si è seduti, il modo di camminare o le scarpe inadatte, possono influenzare questa malattia così sofferta ma allo stesso tempo sconosciuta.

La fascite è, secondo l’American Academy of Orthopaedic Surgeons, la causa più comune di dolore alla base del tallone e si verifica quando la fascia di tessuto che sostiene l’arcata del piede soffre di qualche tipo di irritazione e infiammazione.

Questa fascia elastica che collega la caviglia con la parte inferiore delle dita, è responsabile del mantenimento dell’arcata plantare e dell’assorbimento di energia quando il piede colpisce il suolo. In questo modo, assicura che le ossa del piede non vengano danneggiate ad ogni passo.

 

Quando si prova dolore alla pianta del piede?
La principale causa di dolore nella pianta del piede è dovuta all’eccessiva tensione della fascia. Questo può avvenire a causa di una peculiare forma del piede, per un cambio di calzature o per un insolito eccesso di attività fisica.

Un cattivo allineamento del piede è un’altra ragione che favorisce un aumento di tensione in questa zona del piede. Quest’ultimo problema è il più grave di tutti, poiché l’allineamento del piede deve essere modificato per evitare che il dolore diventi cronico.

Fatte queste premesse, non è difficile capire che le cause più comuni di dolore al piede sono:

– Stati infiammatori delle ossa o delle parti molli

– Usura delle articolazioni

– Lesioni a muscoli, nervi, tendini, ossa o legamenti

– Malformazioni o deformità del piede, presenti anche dalla nascita (congenite)

– Difetti di postura o calzature non idonee.

Esiste una soluzione?
La soluzione a questo problema non è facile e sicuramente ha bisogno di tempo. Una delle soluzioni che aiuta a prevenire la fascite è l’utilizzo dei plantari su misura.

Questo supporto deve essere personalizzato e adattato ad ogni piede, ad ogni passo e, in generale, ad ogni circostanza.

L’uso dei plantari su misura è fondamentale, poiché riescono a modificare l’allineamento del piede, riducendo la recidiva. È importante comunque prenotare una visita medica da un medico specialista (ortopedico o fisiatra).

Nei momenti di acutizzazione del dolore si consiglia di riposare e applicare il ghiaccio sulla zona interessata, è una misura naturale che, a breve termine, allevierà localmente lo stato doloroso.

In conclusione, non esiste ancora una ricetta per il trattamento della fascite plantare ma, un buon uso dei plantari, di scarpe appropriate e di un trattamento medico specialistico di solito danno risultati positivi nella maggior parte dei pazienti affetti.

Letto 185 volte